associazione culturale

VICO SAN LUCIFERO

I giovani del passato e del presente, i Valori di ieri, di oggi, di sempre!
L'associazione culturale "Vico San Lucifero" è stata costituita il 30 settembre 1997 in un'assemblea svoltasi nei locali del ristorante "Il Pentagono" a Quartu Sant'Elena, vicino a Cagliari.
Da allora, fra alti e bassi, possiamo dire che l'attività svolta, fra convegni, dibattiti, raccolte di firme e manifestazioni, è stata consistente e proficua...
[1997] [1998] [1999] [2000] [2001] [2002] [2003] [2004] [2005] [2006] [2007] [2008] [2009] [2010] [2011] [2012] [2013] [2014] [2015] [2016] [2017] [2018] [2019] [2020] [2021] [2022]

1997

Sergio Ramelli
13 dicembre: presentazione del libro "Sergio Ramelli - una storia che fa ancora paura"

1998

Manfredi Serra
30 gennaio: commemorazione dell'Avv. Manfredi Serra
Excalibur
marzo: pubblicato il primo numero del nostro periodico Excalibur
14 novembre: dibattito sul tema "Prospettive per l'occupazione in Sardegna"
Martiri delle Foibe
12 dicembre: raccolta di firme per intitolare una via o una piazza di Cagliari ai Martiri delle Foibe

1999

29 gennaio: convegno sul tema "Foibe, per non dimenticare"
Partecipazione
26 febbraio: dibattito sul tema "Partecipazione agli utili nelle imprese: utopia o realtà?"
Martiri delle Foibe
25 aprile: deposizione di una lapide commemorativa dei Martiri delle Foibe
destra
14 maggio: convegno sul tema "La destra oggi e domani"

2000

riforme
3 marzo: convegno-dibattito sul tema "Dopo i referendum, quali riforme?"
11 marzo: conferenza dal titolo "Appunti per una storia dei Sardi nella Repubblica di Salò: i soldati, i comandanti, i politici, gli intellettuali, gli artisti"
Sardi a Salò
15 aprile: seconda conferenza dal titolo "Appunti per una storia dei Sardi nella Repubblica di Salò: i soldati, i comandanti, i politici, gli intellettuali, gli artisti"
Martiri delle Foibe
25 aprile: deposizione di una corona di fiori davanti alla lapide dei Martiri delle Foibe
anni settanta
29 aprile: commemorazione dei Camerati caduti negli anni settanta
ambiente
14 luglio: convegno sul tema "Ambiente: una risorsa o un limite per il futuro della Sardegna?"
Martiri delle Foibe
25 novembre: inaugurazione a Cagliari del Parco Martiri delle Foibe
identità
18 dicembre: convegno sul tema "Identità nazionale, identità regionale"

2001

Da Calamosca a Calamosca
13 gennaio: presentazione del libro "Da Calamosca a Calamosca - alla ricerca di un Esercito"
rivista Sardegna
17 febbraio: conferenza dal titolo "Attilio Deffenu - Dalla rivista 'Sardegna' al sacrificio sul Carso"
egemonia culturale
23 marzo: convegno sul tema "L'egemonia culturale della sinistra - 50 anni di faziosità, falsificazioni e omissioni"
25 aprile: messa in suffragio dei Martiri delle Foibe
Cagliari romana
20 ottobre: conferenza dal titolo "Cagliari romana, una metropoli nel Mediterraneo - Un ricordo e una prospettiva"
razionalismo in Sardegna
13 dicembre: convegno sul tema "L'architettura dell'ordine - Il razionalismo in Sardegna e oltre"

2002

Martiri delle Foibe
25 aprile: messa e deposizione di una corona d'alloro davanti alla lapide dei Martiri delle Foibe
Sardo
31 maggio: seminario dal titolo "Il Sardo è una lingua?"
31 luglio: conferenza dal titolo "Una pagina poco conosciuta della storia della Sardegna: il Partito Sardo d'Azione tra D'Annunzio e Mussolini (1920-1923)"

2003

Sardo
25 aprile: messa e deposizione di una corona d'alloro davanti alla lapide dei Martiri delle Foibe

2015

Sardo
24 ottobre: incontro-dibattito sul tema "La mia città - proposte per lo sviluppo di Cagliari"

2016

Storia
27 maggio: convegno sul tema "Neofascisti. Le origini del Movimento Sociale Italiano in Sardegna 1943-1949"

2018

ventennio di Vico San Lucifero
13 ottobre: convegno sul tema "Ventennio (1998-2018) dell'associazione Vico San Lucifero"

2019

Fasci di combattimento
29 marzo: convegno sul tema "Centenario della fondazione dei Fasci di combattimento"
destra in Sardegna
10 maggio: convegno sul tema "Italiani di Sardegna: le battaglie per le libertà della destra politica dal 1947, la fiamma di chi non volle arrendersi"

2020

foibe
31 gennaio: convegno sul tema "L'esodo e le foibe"
referendum
18 settembre: conferenza/dibattito sul "Referendum per la riduzione del numero dei parlamentari"
25 settembre: assemblea dei soci di "Vico San Lucifero"

2021

Sopra: la locandina dell'evento
Sotto: deposizione della rosa sulla lapide nel parco dei Martiri delle Foibe a Cagliari a cura del Comitato 10 Febbraio, presieduto dalla Dott.ssa Margherita Sulas
Donne nelle foibe: orrore da ricordare
Commemorata a Cagliari Norma Cossetto, trucidata dai partigiani di Tito

di Fabio Meloni

Nei giorni scorsi, in oltre 180 città italiane (in Sardegna, Cagliari, Sassari, Carbonia e Iglesias) si è celebrata la cerimonia "Una rosa per Norma" in ricordo di Norma Cossetto. La 23enne studentessa istriana fu catturata e incarcerata dai seguaci del maresciallo Tito, durante gli interrogatori fu legata a un tavolo, torturata e violentata ripetutamente dai suoi aguzzini, prima di essere condannata a morte da un improvvisato "tribunale del popolo". Nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1943, fu condotta sull'orlo della foiba di Villa Surani in Istria, dove, prima di essere infoibata, fu nuovamente seviziata.
Norma rappresenta un simbolo della tragedia delle Foibe, perché la sua terribile storia è caratterizzata da alcuni elementi che la rendono esemplare: la sua forte e manifesta italianità, che evidenzia come la pulizia etnica fosse il reale obiettivo dei partigiani comunisti slavi; l'atroce violenza esercitata, che testimonia l'odio e la brutalità dei titini nei confronti degli Italiani, comprese donne e anziani.
Nella motivazione per il conferimento della medaglia d'oro al merito civile alla memoria, concessa nel 2005 dall'allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, Norma fu definita "luminosa testimonianza di coraggio e di amor patrio". Ma già nel 1949, Concetto Marchesi, professore dell'Università di Padova, in occasione della laurea honoris causa in Lettere, sottolineò che la laureanda Norma era «caduta per l'italianità dell'Istria».
Dopo decenni di negazionismo e i goffi tentativi di giustificazionismo, sembravano storicamente consolidati giudizio e memoria sulle Foibe, invece stiamo assistendo all'offensiva di dimenticazionisti e riduzionisti (come li ha definiti Marcello Veneziani), protagonisti anche di un'insensata e squallida guerra dei numeri. Come se il quantum rendesse meno terribile ciò che è accaduto in quegli anni nel confine orientale italiano. Spregiudicati e ben amplificati da alcuni media, nelle scorse settimane, hanno trovato il loro animatore in Tomaso Montanari, professore noto frequentatore dei salotti televisivi, prontamente sostenuto da qualche storico militante, a riprova del disperato tentativo di dar vita a una campagna culturale contro il ricordo delle Foibe con l'obiettivo di rimettere in discussione l'opportunità della commemorazione a livello istituzionale. Tentativo che ha toccato il suo apice con l'irricevibile richiesta dell'attore Ascanio Celestini di "cancellare questo bizzarro Giorno del Ricordo".
La tragedia di Norma Cossetto è un altro triste esempio della donna considerata "bottino di guerra" e, seppure in epoche diverse, le cosiddette "marocchinate" durante la Seconda guerra mondiale, con le violenze compiute dai coloniali francesi in Ciociaria ai danni della popolazione civile italiana, e la guerra tra le diverse etnie nei Balcani, dopo il dissolvimento della Jugoslavia, sono lì a dimostrare questa infame consuetudine. Eppure, il doppiopesismo di un certo femminismo non ha consentito, finora, di dare il giusto risalto alla tragica vicenda di una figura femminile, che proprio la Sardegna, terra ricca di storie di donne di grande dignità e coraggio, non può trascurare.
Insieme al "Giorno del Ricordo" (10 febbraio), "Una rosa per Norma" sarà un altro appuntamento annuale per non abbassare la guardia in difesa della verità storica su questo capitolo italiano del "libro nero del comunismo" e perché Norma rappresenta un valore civile per le future generazioni.
PSdAz
20 aprile: convegno sul tema "Il Partito Sardo d'Azione e il combattentismo nazionale - I Sardi e le guerre nazionali - La "Brigata Sassari""
Paolo Camedda
6 novembre: incontro in ricordo del compianto Paolo Camedda

2022

Sud Est
4 febbraio: presentazione del libro "Sud Est - rivista culturale del Guf di Cagliari tra Sardismo e Fascismo", di Angelo Abis e Giuseppe Serra
foibe
10 febbraio: la Giornata della Memoria in ricordo dei Martiri delle Foibe