excalibur
Periodico dell'Associazione culturale "VICO SAN LUCIFERO"

n. 57 - dicembre 2009

Sommario

politica e attualità

Repubblica islamica d'Iran

La destra che non ci piace

economia

Bilancio statale:
stabilità o taglio delle imposte?


storia e cultura

Recensione: "Alpini"

Recensione:
"Europa Occidente Americhe"


spazio libero

Pensieri in libertà


Il ritorno del Caimano
di Angelo Abis
Doveva essere la Norimberga del Cavaliere. Nell'aula del tribunale di Torino avremmo dovuto assistere non al processo, bensì alla condanna a morte di Berlusconi, da eseguire mediante il lancio di una bomba atomica (mediatica) tanto incautamente evocata da Gianfranco Fini.
La bomba atomica l'avrebbe dovuta lanciare il pentito di mafia Spatuzza. Vi pare che un manovale della mafia, per giunta con un cognome, Spatuzza, e un sopranome, "o tignoso", degni più di un personaggio di una allegra commedia dialettale che di un sicario, seppure mediatico, possa passare alla storia per aver eliminato con quattro chiacchiere un presidente del consiglio? La risposta non poteva che essere negativa. Che poi le successive testimonianze di mafiosi veri "uomini d'onore" abbiano ridotto tutto l'impianto accusatorio a una grande bufala, non sposta di una virgola il vero problema nazionale, che non è quello del conflitto di interesse del Cavaliere, né della lotta dei vari poteri dello Stato, né, tantomeno, la pervicace volontà di Berlusconi di volersi sottrarre a un qualunque giudizio della magistratura.
Il vero problema è che abbiamo un vero e proprio partito armato (i pubblici ministeri hanno potestà sugli organi di polizia giudiziaria) che per semplicità esplicativa individuiamo nell'associazione di "Magistratura Democratica", molto ben connotata ideologicamente a sinistra, che, con una strategia di tipo leninista si è creata una vasta egemonia nei partiti, negli organismi statali, nella stampa e nella televisione. Questo potere, proprio perché, a suo modo, rivoluzionario, ha compreso che Berlusconi non può essere eliminato col consenso democratico, né tanto meno dalle attuali opposizioni politiche, né ancora meno da campagne scandalistiche. L'unica strategia efficace è quella di un crescente attacco mediatico-giudiziario che costringa il cavaliere a impelagarsi in processi tanto numerosi quanto eterni, a doversi difendere dal tutto e dal nulla. Tutto questo Berlusconi l'ha sempre saputo e in tutti questi anni si è difeso accettando nella sostanza di soggiacere alle decisioni della Magistratura, della Corte Costituzionale, del Presidente della Repubblica. Il risultato è stato Spatuzza. Dopo di che il cavaliere si è incazzato ed è ritornato ad essere quello della discesa in campo contro la "gioiosa macchina da guerra" di occhettiana memoria e del discorso del predellino del 2007: il leader solo contro tutti, che rovescia i tavoli dell'ovvietà politica e istituzionale e che chiama alla lotta dura quel popolo che intuisce e vede in lui un grande leader e un vero statista. Il Berlusconi del discorso di Bonn è uno che morde e azzanna gli avversari, irride e ridicolizza i presunti alleati "super partes", la "sacralità delle istituzioni", la "terziarità della magistratura", l'indipendenza della stampa.
Ricordate il film di Moretti "Il caimano"? A un certo punto del film Berlusconi si esibisce in un duro discorso contro i giudici, subito dopo la gente scende in piazza e incominciano i lanci delle bottiglie "molotov" contro il tribunale. Non finirà così. Ma attenti! Il caimano è ritornato.

APPELLO AI NOSTRI LETTORI della Redazione di Excalibur
Caro lettore,
siamo arrivati ormai alla fine del 2009 e - con estrema fatica - siamo riusciti a chiudere anche questo numero di Excalibur. Come già ricordato, ci troviamo in gravi difficoltà finanziarie e non sappiamo ancora se riusciremo ad essere presenti nel prossimo 2010.
Cercheremo, in ogni caso, di assicurarne la pubblicazione su questo sito, nel quale ora - dopo un considerevole sforzo - sono disponibili tutti i numeri della rivista, dal n. 1 del marzo 1998, al n. 56 dell'ottobre 2009. Ed anche questo numero è in rete. E dopo?
Sino ad oggi, su circa 1.000 copie spedite, abbiamo realizzato poco più di 80 abbonamenti: un numero irrisorio, che non ci consente di sostenere neanche i costi di spedizione.
Per questo facciamo APPELLO alla tua generosità affinchè Excalibur - l'unica pubblicazione di destra esistente in Sardegna - possa continuare ad esistere.

SOTTOSCRIVI L'ABBONAMENTO, RINNOVALO O INVIACI UN CONTRIBUTO

CONDIZIONI

Gli abbonati sono divisi in:

- Ordinari: costo annuo 10,00 euro
- Sostenitori: costo annuo 20,00 euro
- Benemeriti: costo annuo 50,00 euro

È possibile abbonarsi alla rivista e riceverla in formato PDF per via informatica con uno sconto del 20%, inviando una e-mail a e.agus@tiscali.it.

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Il pagamento va effettuato tramite:

- c/c postale n. 67092817 intestato ad "Associazione Vico San Lucifero" riportando la causale "abbonamento Excalibur"
- bonifico bancario (IBAN: IT03 R076 0104 8006 0067092817)
- contattando i seguenti redattori: Angelo Abis (329.3915987), Efisio Agus (348.3858106), Roberto Aledda (348.8014007).