EXCALIBUR 53 - aprile 2009
in questo numero
Eurallumina: dov'è lo Stato?
Domande e risposte sulla vera sede del potere
di Andrea Pili
Una delle tante manifestazioni contro la chiusura dello stabilimento
Caro Direttore,
la recente protesta dei lavoratori di Portovesme sarà il primo banco di prova per il neoeletto presidente della regione Sardegna Ugo Cappellacci.
Gli operai dell'Eurallumina, stabilimento in cui si produce allumina - materia prima da cui si ricava l'alluminio - dalla bauxite, hanno occupato il loro posto di lavoro in protesta contro la chiusura degli impianti per un anno, decretata dall'azienda. Chissà se i settecento operai dell'Eurallumina conoscono Oleg Deripaska o sanno anche solo pronunciare il nome di Alexander Bulygin. Questi signori sono i responsabili della Rusal, la multinazionale industria dell'alluminio russa, proprietaria dello stabilimento sulcitano. L'azienda ha deciso la chiusura nei suoi piani; essa reputa Portovesme poco conveniente in questo momento di crisi economica. Il costo dell'alluminio è precipitato e nulla ha potuto smuovere i magnati russi dalle loro intenzioni.
«Nonostante l'intervento del governo e l'appassionata difesa fatta dai parlamentari, la Rusal ha deciso di chiudere».
In queste parole del senatore Piergiorgio Massidda (Pdl) si può racchiudere tutta la vicenda e le sue logiche conclusioni.
Da una parte un magnate russo, sconosciuto ai più, le cui decisioni stanno per rovinare la vita di centinaia di operai sardi; dall'altra il parlamento democraticamente eletto del popolo, le cui deliberazioni non hanno la minima competenza per tutelare le vite dei nostri cittadini e si pone in una condizione naturalmente inferiore rispetto alla multinazionale dell'alluminio.
La domanda legittima è: dove risiede oggi il potere? Le democrazie occidentali rispondono ancora ai fini per cui sono state create?
È ormai evidente che gli stati liberali sono ridotti a dei gusci vuoti, organismi privi di significato. Non si può certo affermare che un cittadino sia libero solo perchè gode del diritto di voto, se non dispone del potere necessario per tutelare la propria esistenza.
Non si può chiamare "Stato" un qualcosa che non corrisponde più alla struttura razionale di questo termine; il parlamento liberale avendo abdicato ai grandi padroni dell'economia mondiale la gestione dell'economia ha ormai perso ogni significato di fronte ai suoi cittadini.
Perché se è vero, come è vero, che l'economia è il motore della storia e che essa incide più di ogni altra cosa sulla carne dei cittadini, allora il parlamento, espressione dello "stato" liberale che ha rinunciato al controllo del mercato, non è più il rappresentante del potere del popolo ma è il luogo in cui questo potere è alienato.
Qui sta la più grande vergogna dei nostri tempi: la presenza di istituzioni fuori dal tempo ed incapaci di decifrare le esigenze di evoluzione democratica testimoniate da prese di posizione come quelle dei lavoratori di Portovesme.
Ulteriore prova del disagio popolare in Sardegna è venuto dalle recenti elezioni che hanno fatto segnalare una percentuale di astenuti pari ad un terzo degli aventi diritto.
Un altro spunto di riflessioni è offerto dal materiale lavorato nell'Eurallumina: la bauxite. In Italia solo in Puglia abbiamo dei rilevanti giacimenti di questo materiale; tuttavia, quello utilizzato nello stabilimento sulcitano proviene addirittura dall'Australia.
Eterno problema del popolo sardo: creazione di cattedrali nel deserto, imprese completamente avulse dal territorio isolano e dunque prossime al fallimento come dimostrato dall'odierna situazione industriale sarda.
La crisi recente non è quindi l'unica responsabile dei problemi economici ma vi sono tare provocate dal nostro capolavoro chiamato "sistema liberale parlamentare", con un cittadino italiano, dipendente di un Russo, e che lavora materiali australiani...
Oggi tutti gli spiriti liberi devono voltare le spalle al Parlamento; la visione di esso ostacola quella del futuro, di una democrazia sociale nazionale e partecipativa, di un nuovo modello economico in cui i cittadini siano protagonisti attivi e proprietari, della libertà reale.
Caro Andrea,
abbiamo dovuto in qualche modo comprimere per esigenze di spazio la tua lettera, lasciandone inalterato lo spirito.
Essa è scritta molto bene ed altrettanto ben argomentata, però ha un punto debole: alcune delle premesse da cui parti sono, a mio avviso, non esatte.
Innanzitutto il Parlamento in materia economica può emanare tutti i provvedimenti che vuole, nel rispetto della Costituzione si intende; esistono, nell'ambito della legislazione italiana, tante di quelle norme che condizionano e vincolano le imprese - italiane o straniere - che vanno fino alla possibilità di metterle sotto amministrazione controllata (vedi caso Parmalat), di espropriarle o nazionalizzarle.
Sono chiari gli articoli 41 e 43 della nostra Costituzione e la normativa che ne è scaturita.
Considera poi che democrazia e liberalismo sono due cose diverse: uno stato può essere liberale e non democratico e viceversa.
È tutto da dimostrare che i parlamenti liberali abbiano abdicato «ai grandi padroni dell'economia mondiale»: ci sono magnati che sono finiti in galera, in U.S.A., in Russia ed anche in Italia (Tanzi).
Il vero problema è che ad un'economia globalizzata non corrisponde un potere politico altrettanto globale.
C'è poi una tua espressione che mi lascia perplesso: «... se è vero, come è vero, che l'economia è il motore della storia», cioè usi un'espressione che è di Carlo Marx e che non spiega tutti i grandi movimenti della storia, dall'Islam al fascismo, dal comunismo sovietico e cinese ai movimenti nazionalisti africani.
Ultima considerazione: la bauxite. Perché Australia e non Puglia? La risposta è semplice: perché l'Eurallumina lavora un milione di tonnellate di minerale (una quantità enorme) che solo l'Australia può fornire in quella quantità ed a prezzi decenti.
Ti dico tutto questo non per farti delle lezioni (ci mancherebbe altro!), ma per farti capire quanto siano complessi e di non facile soluzione i problemi da te prospettati.

Angelo Abis
tutti i numeri di EXCALIBUR
VICO SAN LUCIFERO