EXCALIBUR 62 - dicembre 2010
in questo numero
Intervista all'On. Edoardo Usai
Ritratto dell'assessore alle Scuole, Informatica e Stato Civile del Comune di Cagliari
di Ernesto Curreli
Sopra: l'On. Edoardo Usai
Sotto: una delle tante campagne di sensibilizzazione promosse dal suo Assessorato
Edoardo Usai è uno dei più noti uomini politici cagliaritani. Fin da giovane ha militato nelle organizzazioni della giovane destra isolana, ricoprendo incarichi dirigenziali nel Fronte Universitario di Azione Nazionale e nel Raggruppamento Giovanile del vecchio Msi. Consigliere comunale di Selargius e di Cagliari per diversi anni, è stato consigliere regionale e capogruppo in Regione del Msi-Dn e quindi di Alleanza Nazionale, guidando a lungo la Segreteria provinciale del Partito. Da dieci anni è Assessore del Comune di Cagliari, nella precedente consiliatura allo Sport, Turismo e Grandi eventi e oggi all'Assessorato alle Scuole, Informatica e Stato Civile.

In una parete della sua stanza in Viale San Vincenzo si nota un attestato di merito rilasciato dall'Associazione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

A quale titolo questo attestato dei Vigili del Fuoco?
È un attestato che mi è stato rilasciato per il potenziamento delle dotazioni di sicurezza negli edifici scolastici negli anni 2007-2009. Sono molto sensibile a questo problema e non mi stanco di vigilare. La sicurezza degli scolari, dei familiari e dei docenti viene al primo posto e il mio Assessorato compie ogni sforzo possibile per rendere agibili edifici e pertinenze scolastiche. Quando una scuola presenta indici di criticità, non esito a proibirne l'apertura, come è accaduto all'inizio di quest'anno scolastico per una scuola materna. Nego l'assenso fino a quando non è tornato tutto a posto.

In effetti le scuole di Cagliari sembrano non soffrire di quelle carenze che invece contraddistinguono altre realtà italiane, specie nel sud, come purtroppo apprendiamo dai tg. Ma per quanto riguarda le dotazioni formative qual è la situazione?
Io mi occupo anche delle dotazioni tecnologiche della rete informatica comunale. Abbiamo da molto tempo un efficientissimo sistema di Stato Civile, per il quale abbiamo eliminato code e attese. I cittadini, anche grazie al decentramento, ottengono le certificazioni in tempo reale. Credo anzi che presto avremo un sistema informatico che porterà direttamente nelle case lo "stato civile".
Ma per mantenere in efficienza tutto il sistema, dobbiamo investire continuamente in tecnologia informatica, con prodotti buoni e affidabili. Perciò dobbiamo rinnovare spesso le dotazioni, che però possono essere destinate ad usi diciamo "non specializzati". Perciò, grazie alle attrezzature dismesse dall'Anagrafe abbiamo potuto dotare tutte le scuole di computer perfettamente funzionanti, rendendo le nostre scuole, per questo aspetto, tra le più avanzate. È un vero piacere vedere gli scolari apprendere l'uso di questi strumenti, verso i quali, peraltro, possiedono una istintiva manualità. Nel 2010 abbiamo trasferito alle scuole materne, elementari e medie inferiori un centinaio di "nuovi" computer.Oggi gli scolaretti sono figli della tecnologia informatica, dei computer, della tv interattiva, dei giochini elettronici. Ne sanno più degli adulti.

Come si possono seguire i diversi ambiti di intervento?
Con molto impegno e dedizione. Ma devo anche precisare che il servizio dello Stato Civile, per esempio, non richiede un particolare impegno, né risultano necessari particolari input politici. È una struttura rodata da tempo. Meglio, è la più antica struttura comunale di servizio e ha maturato nel tempo una capacità e una efficienza davvero ammirevoli.

È più complesso il coordinamento assessoriale per la Scuola?
Le competenze assessoriali si fermano nella soglia che riguarda specificamente la docenza e i programmi scolastici. Tuttavia, non è possibile ignorare un fondamentale compito di coordinamento con i docenti di ben sessanta scuole, tutti con una formazione di eccellenza. Affrontano peraltro problemi di quotidianità che devono essere risolti prima possibile. Per questo abbiamo creato la Conferenza Permanente dei Dirigenti scolastici, nella quale sono attori principali l'Amministrazione comunale e l'Assessorato alle Politiche scolastiche. È un organo di consultazione e di programmazione delle attività scolastiche, si riunisce più volte nel corso dell'anno per misure di concertazione sulle politiche scolastiche della città. Devo dire che, visti i risultati, funziona egregiamente.
In questi anni sono cambiate le politiche di intervento comunale, e il rapporto strettissimo con le dirigenze scolastiche ha dato ottimi frutti. Basta vedere le campagne di sensibilizzazione che abbiamo varato con notevole successo contro le droghe, l'alcolismo precoce, il bullismo. Per quest'ultimo abbiamo varato, tra l'altro, un importante programma contro il cyberbullismo e la navigazione online a rischio. Anche la campagna per la corretta alimentazione infantile, che abbiamo chiamato "Capitan Duodeno", ha avuto ottimi risultati con apprezzamenti da parte delle famiglie. Da anni svolgiamo inoltre una campagna di prevenzione contro il diabete infantile e proprio in questo mese abbiamo sviluppato la campagna 2010.
tutti i numeri di EXCALIBUR
VICO SAN LUCIFERO